freccia.gif (468 byte)

 

 

 

  Presentazione

bandgb.gif (276 byte)
English Version

Spesso, nell'intrapendere un qualsiasi lavoro, noi tutti, ad un certo
momento ci poniamo la domanda:"Ne vale la pena?"  Vale la pena di prodigarsi, di lavorare tanto, di spendere tempo e denaro senza ricompensa?
La risposta a questa domanda la otteniamo quando, a conclusione del lavoro, abbiamo la soddisfazione personale per aver fatto qualcosa del cui risultato ci sentiamo appagati; solo allora possiamo dire... "Ne è valsa la pena! "

Ciò premesso è facile comprendere perchè una persona che manca dal suo paese da oltre trent'anni, nonostante le non poche e non trascurabili difficoltà (prima e non ultima la distanza considerevole dai luoghi della sua giovinezza) ad un certo momento della vita decide di dedicarsi ad un
lavoro di ricerca per risalire alle sue origini, per andare alle "radici"
dell'  " albero" di cui essa è un "ramo".
Un notevole e minuzioso lavoro... telefonate e lettere a parenti ed amici,
consultazione di polverosi registri, ingialliti dal tempo, in archivi comunali e parrocchiali... un intreccio di nomi e cognomi, dati anagrafici, luoghi... una ricostruzione fatta con diligenza e scrupolo filologico. Perchè tanto impegno?
Non certo per scoprire qualche antenato illustre nel suo casato, non certo per conoscere "cosa erano"  i suoi progenitori ma soltanto per sapere "chi sono".
In questo consiste, infatti, il minuzioso lavoro di ricerca, e dietro a questo non può non esserci che un precipuo e giustificato motivo: l'attaccamento di Umberto Urciullo alla sua gente, gli Urciullo e gli Amatore e alla sua terra d'origine, la bella Sicilia.
Anch' io sono un "ramo" dello stesso "albero" e come tale ho motivo di
esprimere il mio compiacimento; è come trovarsi di fronte ad un lavoro di archeologia fatto per ricostruire una parte del passato, del nostro passato. Proprio in questo sta il vero valore del  "documento".
Questa mia breve nota non vuole essere una forma di gratuito incensamento, ma se ha una pretesa , è, piuttosto, quella di manifestare il mio apprezzamento e plauso a Umberto per il suo meritorio lavoro, attraverso il quale tutti noi, "vecchi rami e "giovani virgulti, cercando nella mente il ricordo di un altro, il volto di una persona alla quale siamo legati da vincoli di sangue, di qualcuno conosciuto solo attraverso qualche vecchia e sbiadita foto, possiamo trovare nel passato il nostro presente. Tutto questo, invero, non è poco!

           nella.gif (18740 byte) Nella Urciullo

home1.gif (1597 byte)
Torna all'indice

 







Chiudi